“Uno dei motivi per cui resto in ESA volentieri è perché ho delle persone piacevoli accanto. Tra colleghi, inoltre, andiamo molto d’accordo in ufficio, non c’è competizione.”

Daniele
Daniele LorenziniDirector of Sustainability & Innovation Technology

“Sono entrato in ESA a metà 2016 e fin da subito ho sentito questa voglia pulsante di crescita, di miglioramento, di tecnologia… una specie di frenesia positiva e incontenibile.”

Matteo Biondi
Matteo BiondiIT Manager

“Una caratteristica di ESA è che non si vive in un compartimento stagno, si può imparare un po’ di tutto dagli altri dipartimenti. Nel tempo le mie competenze non sono cresciute solo nell’ambito dell’ingegneria elettrica. La possibilità di porre delle domande ai colleghi comporta, infatti, una crescita in ambito multidisciplinare.”

Moreno Biassoni
Moreno BiassoniMEP Project Manager

“Posso considerare ESA una seconda casa e spero di poter continuare a lungo a dare il mio migliore contributo al suo continuo sviluppo.”

Giulia Pagliai
Giulia PagliaiOffice Services, Florence

“Sono felice di lavorare in ESA. Porto con me l’orgoglio di aver costruito qualcosa di bello. Il sacrificio è stato consistente, ma ne è valsa la pena guardando la strada che abbiamo fatto e quella che abbiamo davanti.”

Alessandro Mauri
Alessandro MauriLead MEP Project Engineer

“Fin da bambina sognavo di fare questo mestiere, ma non immaginavo che avrei fatto parte di una gran bella squadra con cui condividere soddisfazioni e continuare a crescere.”

Tiziana Guarnotta
Tiziana GuarnottaLead Electrical Engineer

“Vedo questo studio come una piccola-grande famiglia e mi piace pensare di farne parte, di essere un tassello di qualcosa. So che se mai avessi bisogno di qualcosa troverei qui delle persone di cui potermi fidare. Quando si creano queste condizioni anche il lavoro cambia, la stanchezza si trasforma in nuove energie e in passione.”

Giulia Randazzo
Giulia RandazzoHead of Fire Safety Department

“ESA mi ha dato l’opportunità di conoscere persone e luoghi speciali, contribuendo ad arric­chire la mia sfera professionale e personale, con nuovi stimoli, ritrovata autostima, voglia di mettersi nuovamente in gioco, di confrontarsi.”

Massimo BertiniLead MEP Project Engineer

“in ESA si cade sempre in piedi, ci si sente supportati sia dal punto di vista tecnico che umano, perché in ESA si sta bene, ci sono rapporti veri. Nonostante siamo cresciuti, questo aspetto non lo abbiamo perso.”

Sara LongobardiLead MEP Project Manager

“L’ambiente che ho trovato al mio arrivo in ESA era molto leggero e divertente. Si cercava di star bene insieme. Le ore lavorative sono sempre state basate anche su rapporti di amicizia. Questo è un valore che mi impegno a conservare.”

Antonio Basso
Antonio BassoHead of Electrical Department, Florence